00 3/10/2016 12:08 AM
Ciao a tutte. Mi chiamo Nubia, ho 29 anni e sono di Napoli.
Ho iniziato oggi a leggere il libro "Le ali della farfalla", mi ha tranquillizzata un bel pò perchè mi rivedo nella sofferenza dell'autrice, parola per parola. Complimenti e GRAZIE mille per esserci così vicina e per aver compiuto questo splendido gesto nei confronti di molte che hanno davvero bisogno di un aiuto e si sentono sole, come me. :)
Da sei mesi vivo un incubo ma "credo" che i miei disturbi non rientrino tutti nella C.I. soprattutto io non ho mai avuto bruciore, ma solo più frequenza nell'urinare, e il getto dell'urina molto lento. Avverto dolorini alla vescia, al basso addome e a volte fastidio quando mi siedo (come se avessi aria compressa)... Provo sollievo quando espello aria e vado di corpo più volte... Solo così durante i giorni si calma il tutto. Altro disturbo che avverto da mesi è il dolore in un punto al basso ventre dopo aver urinato. Fastidio all'ano negli ultimi 2 mesi.
Questo appunto non mi permette di capire se il problema è la vescica o l'intestino. In fase ciclo soffro tantissimo, sento la sensazione sempre di quest'aria compressa tra basso ventre e vescica e non riesco ad espellere aria ed andare di corpo per 1/2 giorni, in più dolori nella stessa zona ad ogni movimento. Molte volte è capitato di non riuscire a camminare dritta.
Mi è stata diagnosticata una Leucoplachia e sto eseguendo un ciclo di 10 instillazioni di antibiotico e cortisone. Domani l'ottava.
In realtà la prima instillazione calmò tutti i miei disturbi, ed ero al settimo cielo. Ma poi, sono ritornati dopo una settimana, anche se più lievi.
Purtroppo sono terrorizzata perché non capisco se i miei disturbi provengono da questa malattia o da altro. Inizio a pensare a malattie più gravi e ciò mi fa perdere la ragione e le forze.
Definisco i miei sintomi fuori dal comune, anche perchè non ho mai trovato un vero aiuto sul web... In più mandano fuori pista i medici, i quali ti fanno sentire più sola del previsto, con la loro fretta e la loro freddezza. Chiedo la cortesia di poter spiegare la mia storia in modo da poter raccontare tutto e se possibile, essere aiutata, perchè sono abbastanza disperata e afflitta. Vorrei evitare esami tipo: risonanza magnetica; tac ecc. Solo al pensiero mi sento morire.
Chiedo quindi dove poter scrivere un bel pò su ciò che sto passando.
Vi ringrazio in anticipo e vi abbraccio tutte. [SM=g10400]